“Vi sentite l’anti Napoli?”: risposta a sorpresa di Pioli in conferenza!

Il Milan è atteso dalla gara a San Siro contro la Fiorentina nell’ultimo turno di campionato prima della sosta dei Mondiali.

Alla vigilia della partita, il tecnico rossonero Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa.

Foto: Getty Milan Fiorentina Pioli conferenza

Milan-Fiorentina, il commento di Pioli sulla classifica

Vigilia di buoni propositi per il Milan?

“Inizio dicendo che ringrazio Gazidis per tutto quello che ha fatto per il Milan, Giorgio Furlani lo conoscevamo già. Veniamo da una brutta prestazione contro la Cremonese e vogliamo chiudere bene vincendo contro la Fiorentina”.

Sulla classifica:

“Sicuramente questa classifica non ci piace, ma il campionato è lungo e abbiamo la possibilità di rientrare. Contro la Fiorentina dobbiamo vincere. Il 2022 è stato un anno positivo, ma non dobbiamo pensarci più”.

Sull’inserimento dei nuovi:

“Il mio modo di pensare è sempre stato molto costruttivo. Il disfattismo e la negatività che ci sono fuori, non ci appartengono. Per me è normale dare tutto il tempo necessario ai nuovi ragazzi di integrarsi, sono ragazzi da Milan che hanno qualità”.

Sulla partita contro la Cremonese:

“Abbiamo sbagliato completamente i tempi di gioco, dobbiamo essere bravi a sviluppare il gioco con più qualità”.

Sulla Fiorentina:

“Grandissimo rispetto per la Fiorentina perché è una squadra di qualità, ma noi dobbiamo pensare alla nostra prestazione”.

“Vi sentite l’anti Napoli?”: la risposta di Pioli

“Sarebbe sbagliato da parte nostra pensare agli avversari, noi siamo il Milan e dobbiamo pensare solo a fare più punti in classifica. Non facciamo riferimento a nessun avversario”.

“Il nostro peccato originale è stato quello di non aver vinto contro la Cremonese. I giocatori che andranno ai mondiali? È una cosa anomala, ma noi abbiamo l’occasione per dimostrare chi siamo”.

Milan-Fiorentina, Pioli su Leao e Kjaer

Su Leao:

“Non è così facile mantenere alto il livello delle prestazioni giocando così tanto, ma uno con le sue qualità deve riuscirci”.

Su Kjaer:

“Quando i numeri sono grandi non è un mai un caso. Simon è un leader, parla bene in campo, sa far prendere bene le posizioni in campo”.

Pioli svela le condizioni di Maignan, poi il commento su De Ketelaere

“Mike sta sicuramente meglio, ma non è ancora pronto per giocare domenica. Recupero più avanti”.

Su De Ketelaere:

“Mi auguro che Charles faccia un grande Mondiale così da tornare da noi in fiducia e con positività”.

Sulla pausa:

“Ci sono vari gruppi di lavoro: chi giocherà domani si allenerà lunedì e poi sarà libero, i nazionali che torneranno il 19 riprenderanno il 5 e non il 2, gli altri del Mondiale dipende dalle varie situazioni. Gli infortunati dipende dal loro recupero. Abbiamo fatto tutto per ritrovarci il 10 dicembre per ritrovarci con chi non è ai mondiali”.

Sulle critiche:

“Sono sempre più preoccupato a gestire complimenti ed elogi che le critiche, perché queste ci devono dare più convinzioni. Le critiche per mercoledì ci stanno, così come criticarmi; il problema non è stata la compattezza, ma lo sviluppo della palla”.

“Come sta Ibrahimovic?”: la spiegazione di Pioli

“Ibrahimovic verrà con noi a Dubai, poi non so se sarà disponibile contro la Salernitana. Proverà ad aumentare i carichi di lavoro, ma non posso sapere adesso quando sarà pienamente recuperato”.

Questo Milan è più forte dell’anno scorso in termini di motivazioni, fame, stimoli?

“È un Milan forte, ma non è arrivato il momento dei bilanci. Superare gli 87 punti dell’anno scorso è un grandissimo obiettivo. Noi non vogliamo assolutamente fallire, abbiamo forza di volontà, grande spirito e vogliamo continuare a fare bene”.

Sulla quota Scudetto:

“L’anno scorso era di 87 punti, se ne faremo di meno sarà difficile vincere il campionato”.

Su Tatarusanu:

Se non l’ho cambiato è perché sono rimasto soddisfatto delle sue prestazioni, sono state continue e in miglioramento”.

Termina qui la conferenza stampa.

Impostazioni privacy