Milan-Atalanta, l’episodio fa discutere: l’analisi in diretta

Punteggio in parità dopo i rimi 45′ di gioco a San Siro tra Milan ed Atalanta, ma l’episodio del rigore resta molto dubbio.

Terminato il primo tempo a San Siro tra Milan ed Atalanta, con il parziale fermo sul risultato di 1-1. Sfida aperta da un super gol di Rafael Leao, che così è riuscito a trovare il gol in Serie A dopo un digiuno lunghissimo. Poi il Diavolo ha tenuto in mano la partita senza correre grossi rischi, ma senza creare grandi pericoli per la porta di Carnesecchi. Quindi, a pochi minuti dalla fine della prima frazione di gioco, è arrivato l’episodio incriminato che potrebbe far infuriare diversi tifosi rossoneri. Infatti Orsato, richiamato all’on field review, ha concesso un rigore all’Atalanta.

Rigore poi trasformato dalla conclusione forte e centrale di Teun Koopmeiners, che ha fissato il parziale sul punteggio di 1-1. Episodio incriminato, siccome Orsato non aveva indicato gli undici metri in prima battuta, ma ha poi cambiato idea una volta richiamato dal VAR. Tutto parte da un calcio d’angolo per l’Atalanta: il pallone spiove in mezzo all’area, Giroud ci va con la gamba alta, ma tocca il fianco di Holm. Così il giocatore della Dea resta a terra, mentre i suoi compagni giocano nell’area rossonera. Passano quindi un paio di secondi ed Orsato viene richiamato all’on field review.

Giroud-Holm, l’analisi di Marelli

Punteggio in equilibrio, così come la partita, dopo i primi 45′ di gioco a San Siro. Tuttavia la prima frazione ha avuto un punto di svolta, dopo il bellissimo gol di Leao: il contatto Giroud-Holm. Contatto dal quale è nato il calcio di rigore decisivo per il pareggio dell’Atalanta. In particolare Luca Marelli, esperto arbitrale di DAZN, ha analizzato l’episodio in diretta, dando il suo punto di vista sul rigore. Marelli ha detto: “Giroud ha cercato sicuramente il pallone ma non lo ha trovato, ha trovato il corpo di Holm. Ci sono elementi per un on field review”.

rigore Milan Atalanta
Milan-Atalanta, l’analisi di Marelli (LaPresse) – SpazioMilan

Ed on field review è stata, con Orsato che ha poi indicato il dischetto, senza aver avuto un attimo di esitazione. Tra l’altro, al momento della revisione, il direttore di gara è andato anche ad ammonire Stefano Pioli per qualche parola di troppo, anche se l’allenatore del Milan ha poi fatto segno di non averle rivolte all’indirizzo dello stesso Orsato. Inoltre c’è da sottolineare come tutto lo studio di DAZN ha giudicato come “leggero” il contatto tra i due giocatori. Anche perché Holm si tiene il volto, quando è stato colpito al fianco. Tant’è che il Milan incassa ed è rientrato negli spogliatoi sul risultato di 1-1.

AGGIORNAMENTO ORE 23.00. Luca Marelli ha detto la sua sull’episodio anche nel post gara: “Holm va sul pallone e Giroud prende con il piede sinistro Holm. A noi non interessa se Holm si tiene il viso perché i giocatori ci marciano su questi contatti. Non è una discriminante. Orsato valuta se c’è un colpo non consentito dal regolamento. In questo caso Giroud arriva in ritardo e lo colpisce sul petto. Il rigore in questo caso è sostanzialmente codificato. Come dinamica possiamo ricordare tanti episodi di questo tipo, con la differenza tra gambe e petto. Ormai la codifica di questo tipo di interventi porta all’on field review ed al calcio di rigore. Orsato ha intuito cosa si era perso andando al monitor, perché prima era coperto da Holm. Se Irrati richiama è perché c’è stato un colpo che non ha visto”.

Impostazioni privacy