Il felice paradosso del 4-4-2: con un mediano in meno, si gioca meglio e non si subisce