Pato critica: il PSG si muove!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Che il rendimento di Pato sia sempre più deludente, è un dato di fatto. Che la promessa di Porto Alegre non sia più una pedina fondamentale, nello scacchiere rossonero, è altrettanto evidente. Troppi infortuni, figli di un’eccessiva superficialità in allenamento. E’ questa l’accusa mossagli da Allegri. E, molto probabilmente, il nostro mister ha ragione.

Sta di fatto che l’Arsenal è in agguato ormai da mesi. Non appena il passaggio di Carlos Tevez al Milan sarà ufficiale, i gunners chiederanno ufficialmente Pato. L’obiettivo sarà quello di acquistarlo già a gennaio. Da quanto trapelato, l’offerta iniziale si aggirerà attorno ai 28 milioni. Dopodiché, se il Milan non accettasse, gli inglesi sarebbero disposti a rilanciare. Il tutto per volere di Arsène Wenger. Il manager francese, infatti, stravede per Alexandre.

Ma non finisce qui. All’indomani delle celeberrime dichiarazioni del brasiliano, anche il Paris Saint Germain ha deciso di farsi prepotentemente avanti. Ancelotti e Leonardo, convinti di potere rigenerare il papero, vogliono al più presto portarlo nella città della Tour Eiffel. E, per sbaragliare la concorrenza inglese, i due grandi ex sono pronti a sborsare una cifra enorme: 50 milioni cash. Insomma, una proposta da accettare all’istante.

Anyway, ad oggi, nulla è deciso. Ma, avendo il caso Pato iniziato ad infastidire anche il nostro amministratore delegato, la cessione del ragazzo non è più un’utopia.  Non è quindi per nulla scontato che il papero venga dichiarato incedibile. Quando le offerte di Hill-Wood e di Al Thani giungeranno in via Turati, Galliani rifletterà attentamente circa il da farsi.
E tutto potrà succedere…

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook