Sei qui: Home » News » Galliani a Milanello: “Nulla è perduto, Max non si tocca!”

Galliani a Milanello: “Nulla è perduto, Max non si tocca!”

La pesante sconfitta contro la Fiorentina, ieri a San Siro, ha fatto scattare l’allarme in casa rossonera, tanto che Adriano Galliani si è precipitato a Milanello per tastare polso e umore di squadra e allenatore. Un Galliani che, ai microfoni di Sky Sport 24, si proclama allo stesso modo fiducioso per la conquista del titolo di Campioni d’Italia: “Nulla è perduto, non dobbiamo mollare. Quello che è successo a noi con la Fiorentina può succedere anche alla Juventus”.

Prosegue poi: “Leggendo i giornali sembra quasi che siamo in zona retrocessione ma paghiamo lo sforzo di Champions con il Barcellona”. Niente drammi quindi, anche perché “siamo in testa da due anni” e un calo è fisiologico. In chiave Allegri, pesantemente criticato negli ultimi periodi e, dicono alcuni, in bilico, l’ad sbotta: “Non c’è senso della misura. Non date retta ai bombaroli: non scricchiola, Max è confermatissimo. Non capisco perchè si metta in discussione anche l’allenatore dopo un piccolo passo falso, stiamo sereni”. Chiusura su Tevez: “Non ho rimpianti per il mercato di gennaio”.