Sei qui: Home » Giovanili » Trofeo “Dossena”, il terzo pareggio condanna la Primavera

Trofeo “Dossena”, il terzo pareggio condanna la Primavera

Il Chievo già qualificato non regala nulla al Milan, che viene eliminato dal Dossena dopo tre pareggi in altrettante partite. I rossoneri vanno in vantaggio al 15′ quando Bertoni raccoglie un rinvio corto della difesa veronese e fa partire un bolide da fuori area che sorprende Albertini. Per tutto il primo tempo è il Milan a fare la partita e a sfiorare il raddoppio con tiri da fuori area, e con Speziale che da ottima posizione calcia la palla tra le braccia del portiere.

Le cose cambiano nella ripresa, quando dalla panchina del Chievo entrano in campo Da Silva e Yanis. È proprio quest’ultimo a siglare il gol dell’1-1 al 21′ dopo un contropiede fulmineo che coglie impreparati i ragazzi di mister Dolcetti. Negli ultimi minuti Ganz sfiora per due volte il gol che avrebbe portato il Milan in semifinale ma la partita si conclude con un pareggio. L’attaccante, che ha segnato sei reti nelle prime due partite, questa volta rimane a secco.

Il migliore tra le fila rossonere è Bertoni, pur giocando solo metà partita. Il centrocampista classe ’92 è il più propositivo e trova meritatamente il gol che porta la sua squadra in vantaggio. È costretto ad uscire dal campo sul finire del primo tempo per un lieve infortunio. Ingenua la difesa milanista in occasione della rete subita, quando in vantaggio per 1-0 si fa sorprendere da un contropiede del Chievo. Tra i gialloblù spiccano sicuramente Yanis e Da Silva. Il primo in particolare è molto veloce e davanti alla porta mostra una certa freddezza. Anche l’attaccante del ’95 Da Silva è molto rapido e insieme a Yanis vivacizza notevolmente l’attacco dei clivensi, che fino al loro ingresso non causa particolari problemi alla retroguardia milanista.

LEGGI ANCHE:  Rinnovi Maldini e Massara, è arrivata la decisione finale: nelle prossime ore!

Le dichiarazioni del capitano del Milan, Luca Bertoni: ‘Sto bene, sono uscito per un fastidio dovuto a un precedente infortunio. Ho fatto un bel gol, mi è arrivato il pallone e non ci ho pensato due volte, peccato non aver passato il turno. La prossima stagione me ne vado, ma non so ancora in quale squadra‘.

(Fonte: Calciomercato.com)