Storia (breve) di Hachim Mastour: il ragazzino che palleggiava con le ciliegie

Storia (breve) di Hachim Mastour: il ragazzino che palleggiava con le ciliegie

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

“Lui è il futuro”. Parola di Adriano Galliani, anno 2012. Parlava di Hachim Mastour, l’enfant prodige scippato all’Inter 5 anni or sono.

  • L’ENFANT PRODIGE

Mastour era il ragazzino funambolico che palleggiava con le ciliegie. Quello dei numeri con le arance e le palline da ping-pong. Il piccolo El-Shaarawy, a 14 anni già in Primavera. Ne parlavano proprio tutti: con i piedi faceva cose da circo. E in campo, in effetti, abbagliava. Biciclette, elastici, tunnel: normale rimanerci di stucco. Il classico 10 che chiede palla e li salta tutti. Di quelli che vedi e dici: “Ma l’hai visto quello?”. Un fenomeno, sembrava. O forse lo era veramente. Di certo qualcosa è andato storto.

  • IL FLOP

Il 18 maggio 2014 Seedorf lo porta in panca a San Siro. C’è un densissimo profumo di esordio. Hachim si scalda, i tifosi già lo applaudono. Finale? Rimane in panca. L’anno dopo è aggregato in pianta stabile alla prima squadra. Il risultato è lo stesso: zero gare ufficiali. Allora il prestito al Malaga. Un disastro: l’esordio spagnolo coincide con l’unica apparizione in Liga. E’ il primo flop targato Hachim Mastour. Ma non l’ultimo. Il Malaga risolve con un anno di anticipo il prestito, che doveva essere biennale. Il Milan lo spedisce in Eredivise, allo Zwolle. L’Olanda dei fiori, del resto, è nota per far sbocciare talenti. Eppure la solfa non cambia: 5 presenze. Briciole, come quelle con cui palleggiava.

  • SMENTISCICI HACHIM

Ora di Hachim Mastour non parla più nessuno. I media lo hanno accantonato. I tifosi badano ad altro. Il ragazzino che sognava il Pallone d’Oro brilla più sui social che in campo. Dal 1 luglio 2017 Hachim Mastour è senza squadra. Quello che tutti volevano, ora non appartiene a nessuno. E’ svincolato, eppure non c’è il pienone. E adesso? Se c’è una carta che Hachim può ancora giocarsi, è quella d’identità. Perché sembra passata una vita, ma quel ragazzino è un classe ’98: la sua parabola non può essere finita. Fenomeno da circo o fenomeno e basta? Da circo (per ora). Smentisci, Hachim.

Twitter: @loreDelPapa

 

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy