3 motivi (più uno) per cui la sconfitta dell’Inter fa molto bene al Milan

Per i tifosi del Milan a cui il fatto in sé che l’Inter abbia perso (primo motivo, quello banale) non bastasse a digerire la sconfitta nerazzurra, ci sono tre ottimi motivi per vederla molto più ottimisticamente. Eccoli. 1 UN POSTO IN PIU La vittoria dell’Inter avrebbe avuto due risvolti. A) La Lazio ferma a 45, … Leggi tutto

Abbattere e rimpiazzare San Siro è cosa buona e giusta

Chiedi a 100 tizi diversi se distruggerebbero San Siro. Ti diranno tutti la stessa cosa. Fosse il popolo a decidere delle cose del calcio il tema non esisterebbe nemmeno. Ma il calcio non è democratico, semmai oligarchico. Democrazia, forse, non è sempre uguale a giusto. E allora a comandare, nel calcio, ci sta quell’uno su … Leggi tutto

Da Traoré a Desailly in un mese. La strana parabola di Bakayoko

Bakayoko

Si parta da un presupposto. Chi scrive un mese fa lo reputava un pacco. Da prendere e rispedire al mittente. Entro sei mesi, se non già a gennaio. Il prima possibile insomma. E diciamocelo: non aveva tutti i torti. Oggi lo paragonano a Desailly, tre settimane fa era la bella copia di Traoré. Bella se … Leggi tutto

Due punte? Anche no. Perchè Gattuso deve continuare col 4-3-3

Ha segnato Cutrone. Quindi ci vogliono le due punte. Conclusione spuerficiale, falsa. Proviamo a smentirla. Che se ne voglia o meno questo Milan vive di cali mentali, non di carenze tattiche. I tre gol presi a Napoli sono la coseguenza diretta di una squadra morta a 40′ minuti dal traguardo. Incapace di gestire l’estasi agonistica … Leggi tutto

Falcao, bomber o bidone? Pro e contro di un’operazione fattibile

C’è una  trattativa che più di tutte le altre sembra concretamente percorribile in casa Milan: è quella che porta a Radamel Falcao, centravanti colombiano del Monaco classe 1986. Si tratterebbe di certo di un’operazione mediaticamente importante, ma fatta di pro e contro. Passiamoli in rassegna: PRO • GOL I dati, almeno i più recenti, sono … Leggi tutto

Il punto sul mercato, aspettando la Uefa: tra entrate e uscite si studia il Diavolo 2018/19

Premessa: il mercato del Milan sarà inevitabilmente influenzato dalle sanzioni della Uefa (attese per metà giugno), dovute alla bocciatura di voluntary e settlement agreement. Sono quattro gli scenari possibili: ammenda al club, limitazione della rosa in Europa, blocco del mercato per una o più stagioni, esclusione dalle competizioni europee per la stagione 2018-19. Aldilà delle … Leggi tutto

Inutili e in disparte nel momento clou della stagione: ormai ci siamo (tristemente) abituati

E un’altra giornata è passata. Fra gol, insulti, salvezze riaperte, insulti, cartellini, gomitate, colori dei cartellini, insulti, piagnistei, rimonte, imbarcate, ancora insulti e simili. E’ stato un weekend ricco e bello vivo. Di quelli che non ti fanno rimpiangere l’uggiosa monotonia della pausa nazionali. Eppure c’è qualcosa che lascia parecchio amaro in bocca. E, guarda … Leggi tutto

Che Diavolo di attacco, sos gol: i numeri sono da retrocessione

kalinic Andrè silva

CIAO CIAO CHAMPIONS Ieri, se ancora se ce ne fosse bisogno, è stata concretamente certificata l’assenza del Milan dalla prossima Champions League. Non sono bastati i quattro posti concessi all’Italia dalla Uefa, i milioni spesi sul mercato, gli ultimi tre mesi da urlo: ad oggi il Milan non è da Champions, evidentemente. Il campo, perlomeno, … Leggi tutto

“Se sgarri sei fuori”: il triste destino del Diavolo. Tra l’illusione Champions e un derby troppo diverso

Sarà un derby spettacolare. Ma non sarà decisivo. Anzi: guai ad illudersi. STORIA DI UN’ILLUSIONE Quella tra il Milan e il quarto posto, in fondo, ricorda un po’ una storia d’amore. Del tipo che al Milan piace il quarto posto, ma al quarto posto non piace il Milan. Lui si è innamorato di lei. Prima … Leggi tutto

Teniamoci Gigio: 4 ragioni per non venderlo

Nel futuro della porta del Milan c’è una sola certezza: José Manuel Reina. Per il resto, di sicuro non c’è praticamente nulla. Ci sono due possibilità. A) Che siano Gigio e il fratellone Antonio a lasciare Milano. B) Che tocchi al caro, vecchio Marco Storari. Tradotto: per uno che entra, un altro esce. Per dirla alla … Leggi tutto

Derby, dal giorno prima al giorno dopo: è sempre la stessa (bella) storia

Il giorno del derby non è un giorno come gli altri. (E fin qui, tutti d’accordo). Ma neppure il giorno prima e il giorno dopo. E qua viene il bello. Una partita di calcio ti cambia una giornata (e già questo, di per sé, non è banale), un derby ti cambia sabato, domenica e lunedì. … Leggi tutto

Gattuso, che spettacolo: i 3 rossoneri più valorizzati da Rino

La trasferta di Roma è culmine di una crescita esponenziale orchestrata da Gattuso. Una crescita globale: di squadra in primis, di singoli in secundis. Il capolavoro di Rino sta (anche) nella massima valorizzazione di quasi di tutti gli elementi. Il podio dei rigenerati: oro Calabria, argento Romagnoli, bronzo Calhanoglu. 1) CALABRIA Tanta roba. Ma proprio … Leggi tutto

Diavolo, ti giochi tutto. Campionato, Coppa Italia, Europa League: si decide una stagione

Già era un periodo di quelli non proprio agevolissimi. Poi si è aggiunta l’Arsenal (una squadra qualunque insomma) e si è fatto tutto tremendamente più complicato. Si perché i quindici giorni che aspettano il Milan sono palesemente i più pesanti dell’anno. C’è in ballo un po’ tutto: campionato, Coppa Italia e Europa League. E sono … Leggi tutto

Caro Paletta, dovevi chiamarti Coutinho (e avere i capelli di David Luiz)

Nella mite notte di Atene del 23 maggio 2007 il Milan si accaparrava la sua ultima Champions League. Davanti il Liverpool di Gerrard, Alonso, Mascherano, Kuyt, Carragher, Riise, Pennant, Crouch e company. Una banda discretamente talentuosa insomma. Ecco, fra questi personaggi illustri ai più sbucava pure un illustre sconosciuto. Non che fosse in campo, ce … Leggi tutto

Show a San Siro: Calabria da urlo, Hakan inventa. 3 temi positivi che ci lascia Milan-Lazio

Questa volta, forse, la strada è quella giusta. Il primo round di Milan-Lazio è rossonero: 2-1, tanti applausi e tutti a casa, felici e contenti (finalmente). Con i tre punti di ieri il Diavolo diventa ufficialmente squadra e ferma una Lazio tutt’altro che modesta. Niente male. I numeri confermano una crescita evidente già sul campo: … Leggi tutto

Preferenze privacy