Caro Paletta, dovevi chiamarti Coutinho (e avere i capelli di David Luiz)