Storia di un ex, Roberto Baggio: "Sua Maestà" il calcio inviso agli allenatori