Un "dieci" di fantasia

Un “dieci” di fantasia

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il Milan ha ritrovato il suo dieci? Probabilmente sì, almeno dal punto di vista della raffinatezza. Hakan Calhanoglu è diverso rispetto agli ultimi titolari di quella maglia (Kevin-Prince Boateng e Keisuke Honda) e piace ai tifosi per la fantasia che, al contrario, ricorda di più qualche vecchio proprietario della dieci (Rui Costa e Clarence Seedorf). Il turco ex Leverkusen mette insieme tante caratteristiche e regala spettacolo, soprattutto quando è in stato di grazia.

Ieri contro il Verona ha regalato grande calcio nei primi venti minuti, con tiri, dribbling, scatti e scambi. Il gol, un destro a fil di palo, ha fatto bruciare i guanti a Silvestri, guadagnando i complimenti di Rino Gattuso: “E’ un valore aggiunto per questa squadra, ha grandi margini di miglioramento“. Il tecnico del Milan ritiene Calhanoglu un po’ una sua creatura, avendolo tirato fuori dal guscio. I numeri certificano lo stato di grazia.

Ieri il turco del Milan ha creato due occasioni, realizzato 50 passaggi positivi, sei recuperi, tre cross e un dribbling. Ha segnato col Verona, ma aveva segnato anche domenica scorsa a Bologna, fornendo l’assist del raddoppio a Giacomo Bonaventura. Ora è arrivato a sette reti, compresi due gol in Europa League, lo stesso score della scorsa stagione in Germania dove poi sparì da febbraio per squalifica. Forse le difficoltà al suo arrivo a Milano si devono anche alla condizione atletica modesta e all’impatto con una nuova realtà che necessitava un fisiologico periodo di ambientamento.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy